bandiera svizzeraArt experts since 1992 | Vendere, Acquistare, Stimare
26.035 Products 100% Certified & Guaranteed C.O.A.| Carrello
bandiera svizzeraArt experts since 1992 | Buy, sell, estimate. Carrello

Il percorso artistico di Luigi Rossi, che coniugò l’istanza sociale con la bellezza e le emozioni

Luigi Rossi dipinse la quotidianità, la vita di ogni giorno, ricca di verismo e di bellezza. Il disegno a matita proposto da Historian Lugano cattura un momento di grande serenità. La mano dell’artista è ben riconoscibile nello stupore della giovane donna in contemplazione del cespuglio di rose e l’autenticità dell’opera è certificata da Matteo Bianchi, massimo studioso ed erede di Rossi. «Arte sincera, identità e misura, con la semplicità raggiunta dal suo linguaggio, sono i tratti della poetica dell’artista»: così Bianchi descrive una poetica figurativa nata dal percorso che, dalla Svizzera italiana, portò Rossi prima a Milano e poi a Parigi, per concludersi tra le pendici e le vette dei monti ticinesi che divennero protagoniste delle sue tele. Nato nel 1852 a Cassarate, in Ticino, si trasferì a Milano con la famiglia e frequentò l’Accademia di Belle Arti di Brera. Esordì nel 1871 alla Promotrice di Milano con dei dipinti d’impronta verista “attraversati da una sottile critica sociale”, legata anche all’incontro con l’artista e patriota italiano Gerolamo Induno. Da allora l’elemento sociale caratterizzò la sua produzione “di genere”, ovvero la rappresentazione di scene ed eventi della vita quotidiana. La vita di Rossi fu segnata da incontri che diedero nuova ricchezza alla sua arte, come l’uso della luce e lo sguardo introspettivo suscitato dall’amicizia milanese con l’artista della scapigliatura Luigi Conconi. Negli anni Ottanta Rossi scoprì la neonata fotografia e, come ricorda l’esperta Giovanna Ginex, comprese che non era solo uno strumento passivo di riproduzione, ma uno strumento attivo, utile per misurare gli elementi iconografici e compositivi dei suoi dipinti. Allo stesso tempo si inserì con successo nel vivace mondo artistico italiano partecipando a tante Promotrici e a tutte le edizioni della Biennale di Venezia: dalla prima del 1895, fino a quella del 1922. Tra il 1884 e il 1889 si trasferì a Parigi, dove ebbe grande successo come illustratore; tornato a Milano dipinse opere dove le nuove istanze simboliste coesistevano con l’impronta verista e le citazioni Liberty. Acquistò una casa a Biolda - in Canton Ticino - per dedicarsi al paesaggio e visse l’intensa esperienza avanguardistica della Società Umanitaria: un’istituzione nata a Milano nel 1902 per sostenere l’istruzione e l’arte. Tra il 1904 e il 1912 Rossi insegnò disegno nelle aule dell’Umanitaria – come farà anche Umberto Boccioni - con l’obiettivo di rinnovare la cultura popolare applicando la moderna didattica delle arti alla produzione industriale. Nel 1913 si trasferì definitivamente a Biolda. La sua ultima mostra venne organizzata alla Galleria Pesaro di Milano nel 1921, due anni prima della morte. Un percorso artistico ricco e affascinante, che trova espressione anche nella poetica vibrante del disegno della collezione di Historian Lugano.

Luigi Rossi ( 1853-1923) Disegno a matita su carta Venduto

Artista : Luigi ROSSI (1853-1923)
Tecnica : Disegno a matita su carta cm 28 x 17
Cornice in legno a foglia d'oro con passepartout
dimensioni con cornice cm 45 x 33
Certificato rilasciato da Prof.Matteo Bianchi in data 01 12 1980
Ottino stato di conservazione come da immagini
Referenza DLR1

Codice: DLR1
Desideri visionare l'articolo prima di acquistarlo?
Would you like to view the article before buying it?

Accepted payments:
visa mastercard paypal maestro and bank transfer

Pagamento facile e sicuro

Potrebbe interessarti anche